10 modi in cui il MAGNESIO supporta i tuoi ormoni.

da | Feb 15, 2020 | Lifestyle | 0 commenti

Le mie clienti lo possono confermare! È molto raro, se non impossibile, che io non indichi il magnesio all’interno di un protocollo integrativo. Il magnesio è uno dei micronutrienti di base necessari per praticamente tutti i meccanismi biochimici/cellulari/ormonali del nostro organismo. L’organismo scarica magnesio quando sei sottoposta a stress cronico, ne utilizza molto quando ci sono infiammazioni organiche e quando si ha un’alimentazione fatta al 60-70% di carboidrati/zuccheri, soprattutto se raffinati.  I nostri terreni sono facilmente molto scarsi di magnesio.  Le scorte interne di magnesio non sono infinite, e quindi facilmente ne siamo carenti, soprattutto se non sono costantemente reintegrate grazie al cibo, e ai supplementi ove necessari. Visto tutto ciò, la carenza di magnesio è molto comune, e se ti riconosci in quanto sopra probabilmente hai bisogno del magnesio. Il magnesio è per me tra gli integratori di base da tenere sempre. Infatti che si tratti di problemi alla tiroide, perdita di capelli, sindrome premestruale, emicrania, perimenopausa, menopausa, pcos, disequilibri intestinali, insonnia, umore instabile (ecc..), il magnesio è sempre una delle mie scelte principali.

Come il magnesio supporta gli ormoni?

$

Il magnesio calma il sistema nervoso e regola l'asse HPA riducendo lo stress:

L’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) è il coordinatore centrale dei sistemi di risposta neuroendocrina allo stress. Si tratta del nostro sistema ormonale centrale, quindi quando funziona bene, anche gli altri ormoni possono funzionare bene.
$

Il magnesio riduce la glicemia e normalizza l'insulina:

è così efficace nel migliorare la sensibilità all’insulina che vari esponenti della medicina funzionale lo considerano una “metformina naturale”. Una buona sensibilità all’insulina, non è solo indispensabile per evitare il diabete II, bensì è la chiave di volta per un’ottimale funzionalità cellulare-metabolica-ormonale-cerebrale-muscolare e per mantenere bassi vari tipi di infiammazioni (che sono il fulcro per le più svariate problematiche). Quando hai una ottimale regolazione insulinica, significa meno voglie di zuccheri/carboidrati, e se ad esempio hai PCOS, hai un’ottima probabilità di metterla in remissione. (Scopri come apprendere un’alimentazione che mantenga glicemia ed insulina basse e stabili con Energy Restart)

$

Il magnesio supporta la salute della tiroide:

è essenziale per la produzione degli ormoni tiroidei. È anche un antinfiammatorio, permettendo di calmare l’infiammazione autoimmune che è alla base della maggior parte delle malattie della tiroide. Alcuni altri modi per affrontare l’autoimmunità tiroidea, includono l’eliminazione del glutine e l’integrazione con selenio.

$

Il magnesio aiuta il sonno:

se dormi il tuo corpo può rigenerarsi e ripararsi. Il sonno è quindi fondamentale per la produzione sana di ormoni in generale e in particolare di quelli anabolizzanti come DHEA e ormone della crescita, che permettono appunto ricostruzione-rigenerazione-longevità.

$

Il magnesio supporta la salute e funzionalità dei mitocondri:

che sono le centraline energetiche delle cellule. Più mitocondri hai e più efficienti sono, più il tuo organismo prospera. Inoltre, nello specifico, gli ormoni steroidei (che comprendono anche gli ormoni sessuali) sono prodotti nei mitocondri.

$

Il magnesio normalizza l'azione del progesterone sul sistema nervoso centrale:

è così che vengono alleviati i sintomi della sindrome premestruale debilitante.

$

Il magnesio supporta i sintomi in perimenopausa nella transizione verso la menopausa:

ad esempio nel supportare la riduzione delle vampate.

$

Il magnesio attiva la vitamina D:

senza sufficiente magnesio, la vitamina D non può fare il suo lavoro. Al contrario, un eccesso vitamina D può causare carenza di magnesio. (Ma puoi stare molto tranquilla, è raro avere livelli eccessivi di vitamina D, e non si tratta di eccesso se i tuoi livelli superano i valori di riferimento)

$

Il magnesio supporta il fegato per una corretta disintossicazione ed escrezione di estrogeni:

questo permette una riduzione del rischio di eccesso estrogenico.

$

Il magnesio rallenta l'invecchiamento prevenendo l'accorciamento dei telomeri:

i telomeri sono le “guaine” che ricoprono la parte finale dei cromosomi, proteggendoli dal deterioramento. Va da sé che telomeri lunghi e non deteriorati equivalgono a giovinezza. Il magnesio in questo senso concorre nel ridurre lo stress ossidativo e migliorando la produzione di glutatione (l’antiossidante nr.1 del nostro organismo).

Ovviamente questi sono solo alcuni dei motivi per cui il magnesio è funzionale per una buona salute ormonale, e quindi per la tua salute fisico-psicologica in generale.

Come testare la carenza di magnesio?

Non esiste un modo preciso per verificare la carenza di magnesio. Sicuramente non nel sangue. Se sono presenti specifiche sintomatologie, problematiche, stress e un certo stile alimentare e di vita allora si può facilmente supporre ci sia carenza di magnesio, tra le eventuali altre carenze.  La migliore strategia è semplicemente provare ad iniziare ad assumerlo e notare come ti senti dopo un po’. 

Perchè c’è così carenza?

I motivi di tale carenza al giorno d’oggi sono vari. I principali:
$

carenze/esaurimento nei nostri terreni:

gli organismi geneticamente modificati (GMO) e le sostanze chimiche che vengono spruzzate sul nostro cibo e sui terreni hanno creato una ricetta per il disastro. Man mano che i minerali vengono rimossi, strappati via o non più disponibili nel terreno, la percentuale di magnesio presente negli alimenti è sempre più diminuita.
$

problematiche digestive,

come l’intestino permeabile (tipico della maggior parte/se non tutte le malattie autoimmuni, in quanto ne è l’innesco) ma non solo, possono causare malassorbimento di minerali e altri nutrienti, incluso il magnesio. Ad oggi questa problematica è reale e in crescita. Inoltre con l’avanzare dell’età, il nostro assorbimento di minerali tende a diminuire, quindi la probabilità di avere una carenza aumenta su tutta la linea.
$

malattie croniche e uso di farmaci:

La maggior parte delle malattie croniche è associata a carenza di magnesio e mancanza di assorbimento di minerali. I farmaci, è indubbio purtroppo, hanno sempre un risvolto a danno l’intestino, che è responsabile dell’assorbimento dei nutrienti e quindi anche del magnesio dal nostro cibo.

$

stress cronico di varia natura:

Questa è la causa numero uno. È la conseguenza anche di tutto quanto elencato sopra e non solo. Alti e/o costanti livelli di stress cronico portano tra le altre cose (argomento per un’altra mail) ad un aumentato bisogno di nutrienti per esprelatre le funzioni biochimiche organiche. E quali sono i nutrienti maggiormente richiesti? Magnesio  e Vitamine del gruppo B !! …e chi non ha una qualche forma di stress cronico al giorno d’oggi?
$

Eccessivo o preponderante consumo di alimenti raffinati/processati, soprattutto carboidrati/zuccheri&co

Essi richiedono un grande quantitativo di magnesio e vitamine del gruppo B per essere processati dal sistema digestivo. Gli stessi cibi NON portano cos se tali nutrienti (perchè ne sono privi data la lavorazione), portando l’organismo deve usare le sue scorte. Scorte che sono già carenti di base = ulteriore carenza difficoltà digestive: cattiva gestione glicemico-insulinica, quindi stress organico e via così.

Senza andare troppo nel dettaglio di alcune problematiche, ecco tra i sintomi più comuni di carenza di magnesio:

$

campi e sindrome delle gambe senza riposo: in questo è coinvolto anche una carenza di potassio

$

insonnia

$

dolori muscolari, anche quelli legati alle malattie autoimmuni come la fibromialgia (e non solo) 

$

ansia

$

alta pressione

$

diabete di tipo 2: Si è visto che una delle quattro principali cause di carenza di magnesio è il diabete di tipo II, MA essa è anche un sintomo comune. In uno studio britannico, ad esempio, hanno scoperto che dei 1.452 adulti esaminati, i bassi livelli di magnesio erano 10 volte più comuni con i nuovi diabetici e 8,6 volte più comuni con i diabetici noti. Di conseguenza è stato dimostrato che le diete ricche di magnesio riducono significativamente il rischio di diabete di tipo 2 a causa del ruolo del magnesio nel metabolismo degli zuccheri. Un altro studio ha scoperto che la semplice aggiunta di integratori di magnesio (100 milligrammi/giorno) ha ridotto il rischio di diabete del 15%!

$

fatica cronica

$

emicrania / mal di testa

$

sindrome premestruale

$

osteoporosi

Ovviamente tutto ciò NON è solo causato da carenza di magnesio ok? Esso, si è visto, può essere coinvolto in tali manifestazioni.

Capisci quindi perchè per me il Magnesio è una delle integrazioni base che possiamo tenere prese sempre, soprattutto noi donne!
Da quanto hai letto sopra si evince che anche avendo un’alimentazione ottimale, ricca di cibo densamente nutritivo (come impariamo in Energy Restart), biologico e quant’altro, tutti, chi in maniera maggiore chi in maniera minore, siamo carenti di Magnesio e possiamo beneficiare della sua integrazione!

NB: L’alimentazione è SEMPRE il fondamento ok?! In ogni caso! Non si può supplementare una cattiva alimentazione e sperare che le nostre problematiche si risolvano. Mi raccomando!

Il migliori tipi di magnesio

Il magnesio si trova in diverse forme. Non tutte sono completamente assimilabili, e alcune sono lassative. Il miglior tipo di magnesio è quello glicinato o bisglicinato (magnesio unito all’amminoacido glicina). Il glicinato di magnesio è il tipo più semplice di magnesio da assorbire e il meno probabile che causi diarrea. Il glicinato di magnesio inoltre offre i benefici aggiuntivi della glicina che è il precursore del glutatione (antiossidante organico nr.1) e supporta la sensibilità all’insulina. La glicina calma anche il sistema nervoso e favorisce il sonno, modulando i recettori NMDA nel nucleo soprachiasmatico e abbassando la temperatura corporea. Questa forma è quindi consigliabile soprattutto se se ne vogliono/devono assumere dosaggi un po’ più alti. Il magnesio di tipo ossido invece è una forma alquanto  lassativa, quindi non le consiglierei come integrazione per carenza di magnesio. Anche il magnesio citrato rischia di esserlo se assunto ad un dosaggio un po’ più altro, per quanto per contro abbia ottime proprietà calmanti generali.

Le maggiori fonti alimentari di magnesio

Includono verdure a foglia verde (come gli spinaci), mandorle, noci brasiliane, cioccolato extra fondente, sgombro, avocado, ostriche, cocco, semi di canapa e chia, fagioli neri.
MA cisto quanto sopra, sulla carenza nei nostri terreni e sulle altre cause di carenza, nonostante questi cibi facciano parte della nostra alimentazione, è molto probabile che di base ne possa beneficiare anche tu.

Infatti, se sei fortemente stressata, o cronicamente sotto un qualche tipo di stress è molto facile che non ti sia sufficiente il magnesio che ricavi dal cibo.

CURIOSITÀ: la voglia di cioccolato nella fase premestruale è molto spesso una carenza di magnesio, o una maggiore necessità-richiesta di magnesio da parte dell’organismo.

Detto questo, non è che solo prendendo un po’ di magnesio.. ZAC tutti tuoi problemi spariscono!

Il magnesio può essere parte integrante/importante per il ripristino di un equilibrio metabolico-ormonale, ma da solo non può tutto (come non può alcun integratore o medicina)  se non c’è alcun lavoro sullo stile alimentare dove crei un’alimentazione umana adeguata a farti prosperare e uno stile di vita che ti permette altrettanto.

Quale integrare? Il mio PREFERITO!

Eccoci qui, a ciò che più ti interessa probabilmente  Attenzione perchè ci sono diverse forme di magnesio, e il nostro corpo ha necessità di un mix. Il problema è che in commercio-nei prodotti da banco-quelli principalmente consigliati (sì anche in farmacia purtroppo)-quelli più facilmente visibili online, si trova prevalentemente la forma maggiormente lassativa: magnesio citrato (es. il famoso Magnesio Supremo che tutti conoscono e che io non amo proprio per questo). Questa è tra le forme meno assimilabili (ed è anche il più economico), come hai imparato sopra Il magnesio più funzionale e assimilabile è il magnesio glicinato o bisglicinato. Ecco infatti è tra quelli che costa un pochino di più e più difficile da trovare! Questo è quello che io preferisco e vedo nella mia pratica e su di me avere la migliore efficacia!  Ecco perchè a me piace consigliare integratori di magnesio che contengono la forma glicinata/bisglicinata in un buon dosaggio, e che abbiano al loro interno anche altre forme di magnesio!

Il mio prodotto preferito al momento è questo:
MAGNESIA 7, NatuGena  CLICCA QUI

CODICE SCONTO: FS019

Come usarlo?

Segui le indicazioni che ritrovi in confezione sulla quantità. A me piace prenderle e consigliare di prenderle tutte 3 alla sera (e non divise nei 3 pasti) Ricorda che il minimo consigliato, secondo la ricerca, di base da integrare è almeno 400-500mg al gg, di meno non ha così grande funzionalità. A me piace consigliare di prenderlo alla sera perchè il magnesio glicinato/bisglicinato permette anche un migliore sonno.
ATTENZIONE: – alcune persone se prendono il magnesio alla sera percepiscono agitazione, se sei tra queste persone allora prendilo al mattino: questo è alquanto raro, nella mia pratica con centinaia di donne finora ne ho riscontrati solo circa 3 casi! – se devi prendere il farmaco per tiroide è consigliale distanziare il magnesio di almeno 4 ore: quindi il problema si pone solo se sei tra le poche persone che lo deve prendere alla mattina (quando si prende solitamente la pastiglia della tiroide) – in questo caso comunque chiedi SEMPRE al tuo medico